Ricerca nella pagina:
 
VARI - Vernacular Aristotelianism in Renaissance Italy
Home » VARI DB: data bank

VARI DB: data bank

immagine

Informazioni generali

Non esiste, nell'ambito degli studi di italianistica e di filologia della letteratura italiana, uno strumento in forma di repertorio alfabetico a schede (sul modello di Reynolds 1983) che informi, autore per autore e testo per testo, sulla natura, sulle caratteristiche e sui dati (regesto integrale delle testimonianze manoscritte e a stampa; bibliografia analitica e ragionata) della tradizione dei testi della letteratura italiana.

Per la letteratura antica si può ancora utilmente ricorrere a Morpurgo 1929, una bibliografia delle stampe di opere dei primi secoli ferma al 1895, e all'originale e pionieristico capitolo di Folena 1964, punto di riferimento indispensabile, ma relativo soltanto ad autori e testi dei primi secoli.

Un quadro organico della storia della tradizione della letteratura italianaè offerto nell'Appendice I della StoLI. La fruibilità della grande mole di informazioni contenute in quest'opera è limitata da un criterio di esposizione dei dati per grandi temi ordinati cronologicamente, e dalla temporanea assenza di indici.

L'informatica e la telematica offrono la possibilità di progettare modularmente e di aggiornare in modo progressivo e collettivo i dati. TLIoN si propone pertanto come progetto sperimentale di informatica umanistica applicata agli studi di storia della tradizione testuale.

I prodotti in corso di realizzazione:

  1. Il software GASTONE (Gestione dell'Archivio di Schede della Tradizione On the NEt), progettato per gestire l'acquisizione e la messa on line dei dati relativi alla tradizione dei testi della letteratura italiana, il software è predisposto all’integrazione flessibile con:
  • un data base di immagini, che riproduca in parte o integralmente i testimoni (con particolare riferimento agli autografi);
  • gli indici dei manoscritti, delle stampe e della bibliografia.
  1. Le Istruzioni per la compilazione delle schede e alcune schede di riferimento.
  2. Un primo nucleo di schede relative alla tradizione di autori e testi della letteratura italiana, realizzate secondo i principi esposti nelle Istruzioni e destinate al data base gestito dal software GASTONE

Unità di ricerca

Il progetto TLIoN è aperto alla collaborazione di tutti gli studiosi interessati. Le procedure di "prenotazione", attribuzione e validazione delle schede sono illustrate nelle Istruzion. L'avvio del progetto è stato cofinanziato dal CNR e dal MIUR. In particolare, il progetto è stato cofinanziato da MIUR come PRIN 2001 (Progetto TLIoN: Tradizione della Letteratura Italiana on the Net), al quale partecipano, con propri finanziamenti, le Università di Bologna, Lecce, Padova, Palermo, Pavia e Siena per Stranieri. In ciascuna sede sono attive una o più Unità di ricerca, alle quali sono attribuiti compiti specifici.

Unità centrale
Unità di Bologna
Unità di Lecce
Unità di Padova
Unità di Palermo
Unità di Pavia

Unità di ricerca

Il progetto TLIoN è aperto alla collaborazione di tutti gli studiosi interessati. Le procedure di "prenotazione", attribuzione e validazione delle schede sono illustrate nelle Istruzion. L'avvio del progetto è stato cofinanziato dal CNR e dal MIUR. In particolare, il progetto è stato cofinanziato da MIUR come PRIN 2001 (Progetto TLIoN: Tradizione della Letteratura Italiana on the Net), al quale partecipano, con propri finanziamenti, le Università di Bologna, Lecce, Padova, Palermo, Pavia e Siena per Stranieri. In ciascuna sede sono attive una o più Unità di ricerca, alle quali sono attribuiti compiti specifici.

Unità centrale
Unità di Bologna
Unità di Lecce
Unità di Padova
Unità di Palermo
Unità di Pavia

TLIon DB: finanziamenti