Ricerca nella pagina:
 
TLIon - Tradizione della letteratura italiana online
TLIon - Tradizione della letteratura italiana online

Pubblicazione periodica online

Direttore: Claudio Ciociola
ISSN 2280-9058
Periodicità: aggiornamento continuo
(le schede sono datate)

Anonimo

Tristano Panciatichiano

di Cristiano Lorenzi

Notizie generali

Volgarizzamento di:
Anonimo, Roman de Tristan en prose (francese antico)

Datazione: sec. XIV
Lingua/Dialetto: toscano occidentale
Tipologia testuale: prosa
Genere: epica, poesia eroicomica, cantari


Tradizione dell'opera  
Tradizione diretta: manoscritti (3)
1. Firenze, Biblioteca Nazionale Centrale, Panciatichiano, 33 = Fi BNC Panc. 33

Datazione: sec. XIV inizio


Ms. non esaminato direttamente


2. Todi, Archivio Storico, senza segnatura = Todi AS senza segnatura



Ms. non esaminato direttamente


3. Wien (Austria), Österreichische Nationalbibliothek, Pal., 3325 = Wien ÖN Palat. 3325



Ms. non esaminato direttamente


Indice della scheda


Storia della tradizione

Il manoscritto Fi BNC Panc. 33 (P), dell'inizio del sec. XIV e dal colorito linguistico pisano-lucchese, è un'antologia che raccoglie, in modo sparso, ma non privo di coerenza (cfr. Heijkant 1994), parti di romanzi arturiani volgarizzati. Il materiale tristaniano comprende due lunghe sezioni, corrispondenti a diverse unità narrative, inframmezzate da un passo della Mort Artu. Il primo dei due testi di Tristano (alle cc. 39v-128r) segue per larga parte la versione del codice Fi BR 2543 (R, il cosiddetto Tristano Riccardiano), non senza alcune divergenze e, soprattutto nelle ultime carte, aggiunte (alcuni episodi sono infatti ignoti agli altri testi tristaniani italiani), tali da far pensare che il compilatore si avvalesse della redazione comune del Tristan. La seconda sezione (cc. 150r-284v), che propriamente si può definire Tristano Panciatichiano, presenta parte di una diversa - e più fedele - traduzione  del Tristan en prose e si chiude con un ulteriore frammento sulla morte dell'eroe, forse proveniente dalla medesima fonte.

Tutto il contenuto del codice (inclusi i testi non tristaniani) è stato di recente pubblicato da Allaire 2002. In precedenza, il solo episodio della morte di Tristano si trovava in calce all'edizione di Parodi 1896, pp. 371-406 (e di lì passato nelle edizioni Di Benedetto 1942 e Arese 1950), che in questo modo colmava la lacuna delle ultime carte di R (benché, come detto, il frammento non abbia alcun rapporto di parentela con la redazione Riccardiana), e a quella di Scolari 1990, pp. 327-354. Parodi traeva il testo da P, mentre Scolari fornisce un'edizione critica, tenendo conto per la ricostruzione testuale, oltre che di P (la cui trascrizione è definita «piuttosto frettolosa», p. 30), anche del Tristan en prose e di Wien, ÖN Palat. 3325, recante il Tristano Veneto, che, come il Tristano Panciatichiano, segue la redazione denominata V1 del Tristan, e dunque presenta questo stesso episodio (in proposito cfr. Delcorno Branca 1980, p. 225; e per la vicinanza tra P e il codice viennese nella sezione finale cfr. già Parodi 1896, pp. CXXIV-CXXV).

Si aggiunga infine che alla stessa redazione del Tristano Panciatichiano sembra collegarsi anche il breve frammento di codice (sei carte), sempre di area toscano-occidentale, rinvenuto in una pergamena usata come coperta di documenti notarili all'Archivio Storico di Todi (Todi AS senza segnatura), segnalato da Paradisi-Punzi 1993.

Indice della scheda


Bibliografia
Edizione/i di riferimento
Allaire 2002 = Italian Literature. Volume I. Il Tristano panciatichiano, Edited and Translated by Gloria Allaire, Cambridge, D.S. Brewer, 2002.

Altre edizioni
Arese 1950 = Prose di romanzi. Il romanzo cortese in Italia nei secoli XIII e XIV, a cura di Felice Arese, Torino, Utet, 1950.
(ed. parziale, alle pp. 231-260)

Di Benedetto 1942 = La leggenda di Tristano, a cura di Luigi Di Benedetto, Bari, Laterza, 1942.
(ed. parziale, alle pp. 269-295)

Parodi 1896 =

Il Tristano Riccardiano, edito e illustrato da Ernesto Giacomo Parodi, Bologna, Romagnoli-Dall'Acqua, 1896.

(ed. parziale, alle pp. 371-406; anche alle pp. 381-412 della rist. anast. in Heijkant 1991)

Scolari 1990 = Il romanzo di Tristano, a cura di Antonio Scolari, presentazione di Alfredo Giuliani, Genova, Costa & Nolan, 1990.
(ed. parziale, alle pp. 327-354)

Bibliografia filologica
D'Agostino 2001 = Alfonso D'Agostino, La prosa delle Origini e del Duecento, in Ciociola 2001, pp. 91-135.

Altra bibliografia
Delcorno Branca 1980 =

Daniela Delcorno Branca, Per la storia del «Roman de Tristan» in Italia, in «Cultura Neolatina», XL (1980), pp. 211-229.


Heijkant 1994 = Marie-José Heijkant, La compilation du «Tristano Panciatichiano», in Cyclification. The Development of Narrative Cycles in the Chansons de Geste and the Arthurian Romances, Edited by Bart Besamusca, Willem P. Gerritsen, Corry Hogetoorn, Orlanda S.H. Lie, Amesterdam-Oxford-New York-Tokyo, North Holland, 1994, pp. 122-126.

Paradisi-Punzi 1993 =

G. Paradisi, A. Punzi, La tradizione del Tristan en prose in Italia e una nuova traduzione toscana, in Actes du XXe Congrès International de Linguistique et Philologie Romanes, Tübingen und Basel, Francke, V, 1993, pp. 321-337.


Indice della scheda