Ricerca nella pagina:
 
TLIon - Tradizione della letteratura italiana online
TLIon - Tradizione della letteratura italiana online

Pubblicazione periodica online

Direttore: Claudio Ciociola
ISSN 2280-9058
Periodicità: aggiornamento continuo
(le schede sono datate)

Brocardo, Antonio

(Venezia, 1500 ca. - Venezia, 1531)

Nuovo modo de intendere la lingua zerga

di Antonello Fabio Caterino

Notizie generali

Datazione: 1545
Lingua/Dialetto: italiano, gergo
Tipologia testuale: prosimetro
Genere: glossari
Nota metrica: capitolo in terza rima, sonetti


Tradizione dell'opera  
Tradizione diretta: manoscritti (1)
1. Modena, Biblioteca Estense Universitaria, Campori, gamma γ.X.2.5 = Modena BEU Campori γ.X.2.5

Datazione: sec. XVI
Descrizione: cart. in 4°, sec. XVI, cc. 51.
Vocabolario gergo-italiano e italiano gergo, due canti, venti sonetti ed una stanza in furbesco.
Localizzazione: Modena, Biblioteca Estense Universitaria


Ms. esaminato direttamente in data 10/02/2012


Tradizione diretta: edizioni antiche (20)
1. Libro zergo de interpretare la lingua zerga, cioè parlare forbesco. Nuovamente posto in luce per ordine di Alfabetto. Opera non men piecevole che utilissima.
, In Venetia, appresso Francesco Rampazetto, 1565 = Libro zergo 1565



Non esaminato direttamente


2. Libro zergo da interpretare la lingua zerga.
, Venezia, 1575 = Libro zergo 1575



Non esaminato direttamente


3. Modo novo da intendere la lingua zerga, cioè, parlar forbesco, Di novo ristampato per ordine di Alfabetto. Opera non men Piacevole, che utilissima. Con un capitolo, et quattro Sonetti in lingua Zerga, nuovamente posti in luce.
, In Venetia, Per Berardin de Francesco, 1582 = Modo novo 1582



Non esaminato direttamente


4. Modo novo da intendere la lingua Zerga, cioè parlar forbesco. Di novo ristampato per ordine di Alfabetto. Opera non men piacevole, che utilissima. Con un Capitolo e quattro Sonetti in lingua Zerga novamente posti in luce., In Venetia, Per gli Heredi di Luigi Valvassori, et Giovan Dominico Micheli, al segno del Hippogriffo., 1584 = Modo novo 1584



Non esaminato direttamente


5. Modo novo da intendere la lingua Zerga, cioè parlar furbesco. Opera non men Piacevole, che utilissima. Con un Capitolo , et quattro Sonetti in lingua Zerga, novamente posti in luce. Di novo ristampata per ordine di Alfabetto.
, In Vinegia, 1596 = Modo novo 1596



Non esaminato direttamente


6. Modo novo da intendere la lingua zerga, Cioè parlar furbesco. Opera non men Piacevole, che utilissima, Con un Capitolo, et quattro Sonetti in lingua Zerga, novamente posti in luce. Di novo ristampata per ordine di Alfabetto.
, In Venetia, Presso Gio. Battista Bonfadino., 1599 = Modo novo 1599



Non esaminato direttamente


7. Modo novo da intendere la lingua Zerga Cioè parlar Furbesco. Opera non men piacevole, che utilissima. Con un Capitolo, et quattro Sonetti in lingua Zerga, novamente posti in luce. Di nuovo ristampata per ordine di Alfabetto.
, In Venetia, 1639 = Modo novo 1639



Non esaminato direttamente


8. Nuovo Modo de  intendere la lingua zerga, cioe parlare forbesco. Novellamente posto  in luce per ordine di Alphabeto. Opera non men picevole che  utilissima.
, 1549 = Modo nuovo 1549



Non esaminato direttamente


9. Modo Nuovo da intendere la lingua zerga cioè Parlar forbesco. Di novo ristampato per ordine di Alfabetto opera non men piacevole, che utilissima. Con un Capitolo con quatro Sonetti in Lingua Zerga novamente stampato., In Venetia, per Francesco de Tommaso di Salò, e Compagni, In Frezzaria, al segno della Fede, 1573 = Modo Nuovo 1573



Non esaminato direttamente


10. Modo Nuovo da intendere la lingua zerga, cioè, Parlar Forbesco, Di nuovo ristampato per ordine di Alfabetto, Opera non men piacevole che utilissima. Con un capitoolo, et quattro Sonetti in lingua Zerga, novamente stampato. , 1578 = Modo Nuovo 1578



Non esaminato direttamente


11. Nuovo modo de intendere la lingua zerga, Cioè parlare Forbesco. Novellamente posto in luce per ordine di Alphabeto, Opera non men piacevole che utilissima.
, In Milano , per Valerio et Hieronymo fratelli da Meda, = Nuovo modo 1



Non esaminato direttamente


12. Nuovo modo de intendere la lingua zerga. Cioe Parlare Forbescho. Novellamente posto in luce per ordine di Alfabeto. Opera non men piacevole che utilissima
, Ferrara, per Giovanmaria di Micheli et Antonio Maria di Sivieri compagni, 1545 = Nuovo Modo 1545

Localizzazione: Londra, Br. M.g. 16701


Non esaminato direttamente


13. Nuovo Modo de intendere la lingua zerga. Cioe Parlare Forbescho. Novellamente posto in luce per ordine di Alphabeto. Opera non men piacevole che utilissima.
, In Vinegia, per Pietro de Nicolini de Sabio et suo Nepoto, 1546 = Nuovo Modo 1546



Non esaminato direttamente


14. Nuovo Modo de intendere la lingua zerga, cioe Parlare Forbescho. Novellamente posto in luce per ordine di Alphabetto. Opera non men piacevole che utilissima.
, 1550 = Nuovo Modo 1550



Non esaminato direttamente


15. Nuovo Modo de intendere la lingua zerga, cioe parlare forbesco. Novellamente posto in luce per ordine di Alphabeto. Opera non men picevole che utilissima.
, In Venetia, per Francesco Rampazetto, 1558 = Nuovo Modo 1558



Esaminato direttamente in data 16/02/2012


16. Nuovo Modo de intendere la lingua zerga, Cioè parlare Forbesco. Nuovamente posto in luce per ordine di Alfabeto. Opera non men piacevole che utilissima.
, In Venetia, appresso Francesco Rampazetto, 1562 = Nuovo Modo 1562



Non esaminato direttamente


17. Nuovo Modo Da intendere La lingua zerga, cioè Parlar Furbesco. Di nuovo ristampato per ordine d'Alfabetto. Opera non men piacevole, che utilissima Aggiuntovi un Capitolo, e quattro bellissimi Sonetti nella medesima lingua.
, In Firenze, Per Zanobi Bisticci, 1601 = Nuovo Modo 1601



Non esaminato direttamente


18. Nuovo Modo da intendere la lingua Zerga, cioè Parlar Furbesco. Di nuovo ristampato d'Alfabeto.
, In Firenze, Alle Scalee di Badia, 1619 = Nuovo Modo 1619



Non esaminato direttamente


19. Modo nuovo da intendere la lingua zerga, Cioè Parlar Furbesco. Opera non men piacevole, che utilissima. Con un Capitolo, et quattro Sonetti in Lingua Zerga, novamente posti in luce. Di Nuovo ristampata per ordine di Alfabetto.
, In Venetia, et in Bassano, Per Gio: Anton Remond:, = Nuovo modo 2



Non esaminato direttamente


20. Modo Novo da intendere la lingua Zerga, Cioè parlar Furbesco. Opera non men piacevole, che utilissima. Con un Capitolo, et quattro sonetti in lingua Zerga, novamente posti in luce. Di nuovo ristampata per ordine di Alfabetto. In Venetia, Per Domeni, In Venetia, Per Domenico Lovisa à Rialto, = Nuovo modo 3.



Non esaminato direttamente


Indice della scheda


Storia della tradizione
Fortunatissimo vocabolario italiano-gergo e gergo-italiano, comprendente componimenti poetici d'esempio in furbesco. Attribuito da Franca Ageno ad Antonio Brocardo, poeta veneziano vissuto nella prima metà del Cinquecento, a partire dall'affinità tra i testi poetici dell'opera e un'epistola brocardiana (scritta per metà in furbesco), in cui il poeta prometteva ad una sua amante - tale Marietta Mirtilla - un aiuto per poter tradurre il gergo.
Il libretto fu più volte ristampato e le varie edizioni presentano tra loro non poche differenze. Si tratta sempre di stampe non particolarmente curate e probabilmente, nelle varie edizioni, molto rimaneggiate. Nel prospetto sopra descritto non si tiene conto delle tante ristampe, con aggiornamento solo di data ed editore. La prima edizione a noi nota è del 1545, ma non è certo che sia l'effettiva editio princeps. L'unica edizione critica fino ad ora consultabile è quella di Teresa Cappello.
Resta ancora oscuro il rapporto tra l'opera ed il codice Campori, ritenuto autografo dal Renier e posteriore alle edizioni a stampa dalla Ageno e dalla Cappello. Il codice e il Nuovo modo de intendere la lingua zerga hanno in comune - seppur con sensibili varianti - cinque sonetti e un capitolo in terza rima, nonché una medesima impostazione: un lemmario per la traduzione dal furbesco e dei componimenti d'esempio in gergo: anche se nel manoscritto si dà molto più spazio ai testi, mentre nella stampa il dizionario ha una sezione privilegiata.
Antonio Brocardo muore nel 1531, prematuramente. La princeps delle sue rime è postuma (Rime del Brocardo et d'altri authori), del 1538. Sappiamo che non ebbe cura di raccogliere omogeneamente i suoi scritti, quindi è probabile che anche i suoi componimenti furbeschi siano rimasti solo in fase manoscritta. Il ms. Campori presenta in diversi luoghi varianti d'autore, cancellature e correzioni, tipiche di testi ancora aperti a modifiche, non ancora pronti per la diffusione. Per di più, alcuni sonetti del codice alludono, in chiave sarcastica, a Pietro Aretino, figura con cui il giovane poeta veneziano entrò in fortissima polemica.
Qualunque sia il rapporto tra il ms. Campori e il Nuovo modo de intendere la lingua zerga, è innegabile che esso contribuisca a rafforzare l'idea che quest'ultima opera sia effettivamente di Antonio Brocardo.

Indice della scheda


Bibliografia
Edizione/i di riferimento
Cappello 1957 = T. Cappello, Saggio di un'edizione critica del «Nuovo modo de intendere la lingua zerga», in "Studi di filologia italiana, XV (1957), pp. 303-99

Edizioni significative
Camporesi 1973 = Il libro dei vagabondi, a c. di P. Camporesi, Torino, Einaudi, 1973
pp. 197-254 (ed. annotata)

Altre edizioni
Trattato dei Bianti 1828 = Trattato dei Bianti, ovver pitocchi, e vagabondi, Coi caratteri di F. Didot, 1828

Bibliografia filologica
Ageno 1958 = F. Ageno, A proposito del «Nuovo modo de intendere la lingua zerga», in "Giornale storico della letteratura italiana", CXXXXV (1958), pp. 370-91

Altra bibliografia
Renier 1910 = R. Renier, Svaghi critici, Bari, Laterza, 1910
pp. 1-30.

Romei 2005 = D. Romei, Pietro Aretino tra Bembo e Brocardo (e Bernardo Tasso), in Studi sul Rinascimento italiano-Italian Renaissance studies. In memoria di Giovanni Aquilecchia, a cura di A. Romano e P. Procaccioli, Manziana, Vecchiarelli, 2005, pp. 148-57

Enciclopedie, repertori e cataloghi
Vandini 1886 = Vandini, Catalogo dei codici e manoscritti posseduti dal marchese Giuseppe Campori, dal sec. XIII al sec. XIX inclusive, Modena, Tipografia di Paolo Toschi e c., 1886
p. 151

Indice della scheda