Ricerca nella pagina:
 
TLIon - Tradizione della letteratura italiana online
TLIon - Tradizione della letteratura italiana online

Pubblicazione periodica online

Direttore: Claudio Ciociola
ISSN 2280-9058
Periodicità: aggiornamento continuo
(le schede sono datate)

Pellegrino, Gaspare

(Capua, sec. XV in. - ?, sec. XV ex.)

Historia Alphonsi primi regis

di Daniela Pietragalla

Notizie generali

Datazione: sec. XV metą
Lingua/Dialetto: latino
Tipologia testuale: prosa
Genere: storiografia


Tradizione dell'opera  
Tradizione diretta: manoscritti (1)
1. Napoli, Biblioteca Nazionale «Vittorio Emanuele III», IX C 22 = Na BN IX C 22


Il codice, mutilo e asai scorreto, è l

Ms. non esaminato direttamente


Tradizione indiretta

Indice della scheda


Storia della tradizione
La Historia Alphonsi primi regis, racconto in dieci libri delle imprese di Alfonso d'Aragona (dal 1419 al trionfo del 1443) scritto dall'archiatra di Alfonso, è una delle fonti storiche più significative dei Rerum gestarum Alfonsi regis libri di Bartolomeo Facio. Alla edizione critica dell'opera, tuttora inedita, sta attualmente lavorando Fulvio delle Donne: lo studioso, in Delle Donne 2001, ha pubblicato la sezione della Historia relativa al trionfo del sovrano aragonese ricostruendo le scarse notizie biografiche disponibili sull'autore e fornendo alcune indicazioni sulla fisionomia dell'unico testimone manoscritto che ha tramandato l'opera, Na BN IX C 22[=N], purtroppo mutilo, come già aveva segnalato FERRAÙ 1990 p. 80, e ornato da alcune interessanti miniature che illustrano la storia di Alfonso (il codice è ora descritto in Putaturo Donati Murano-Ambra 1997, pp. 107-108 e in Delle Donne in c. di s.). Il codice, che risale alla metà del sec. XV, risulta assai scorretto e in alcuni punti addirittura indecifrabile, elemento, questo, che ha indotto Delle Donne ad escludere che possa trattarsi di un autografo: «dato l'elevatissimo numero di parole assolutamente incomprensibili e inesistenti nel vocabolario latino è evidente che lo scriba - o colui che dettava - leggeva da un manoscritto che non sempre gli era chiaro, probabilmente più per cattiva conoscenza della lingua che per difficoltà oggettive nella lettura della grafia. Pertanto è difficile anche dire se i frequentissimi errori sintattici e morfologici presenti nel manoscritto risalgano allo stesso Pellegrino oppure siano da attribuire al copista» (Delle Donne 2001, pp. 171-172). Nell'edizione parziale della Historia, Delle Donne segnala di essere stato costretto ad intervenire parecchie volte «per rendere comprensibile un testo altrimenti inintellegibile» ma di avere seguito «in ogni proposta emendatoria (...) un criterio di compatibilità e giustificabilità paleografica» (Delle Donne 2001, p. 172), normalizzando, poi, la grafia nei casi di anomalie (ad esempio, il frequente impiego di s al posto di c) probabilmente dovute ad un difetto di pronuncia - magari per l'origine francese - del copista o di colui che dettava. La Historia Alphonsi primi regis di Gaspare Pellegrino, tramandata da un solo testimone manoscritto non è stata mai data alle stampe: l'edizione critica, ancora in preparazione, è curata da Fulvio Delle Donne.

Indice della scheda


Bibliografia
Edizione/i di riferimento
Delle Donne 2001 = Fulvio Delle Donne, Politica e letteratura nel Mezzogiorno medievale. La cronachistica dei secoli XII-XV, Napoli, Carlone Editore, 2001, pp. 147-177

Bibliografia filologica
Delle Donne in c. di s. = Fulvio Delle Donne, La "Historia Alphonsi primi regis" di Gaspare Pellegrino: prolegomeni a un'edizione critica, in «Napoli nobilissima» in corso di stampa

Putaturo Donati Murano-Ambra 1997 = Libri a corte. Testi e immagini nella Napoli aragonese, a cura di A. Putaturo Donati Murano-E. Ambra, Napoli 1997

Indice della scheda