Ricerca nella pagina:
 
TLIon - Tradizione della letteratura italiana online
TLIon - Tradizione della letteratura italiana online

Pubblicazione periodica online

Direttore: Claudio Ciociola
ISSN 2280-9058
Periodicità: aggiornamento continuo
(le schede sono datate)

Anonimo

Cesariano
(Altri titoli: Fatti dei Romani; Fatti di Cesare)

di Cristiano Lorenzi

Notizie generali

Rimaneggiamento di:
Anonimo, Fatti dei Romani (versione abbreviata [Banchi]) (toscano)
Anonimo, Fatti dei Romani (versione intermedia [Parodi]) (toscano)

Correlazioni:
Anonimo, Istoria delle gesta di Giulio Cesare (toscano)

Datazione: sec. XIV
Lingua/Dialetto: toscano
Tipologia testuale: prosa
Genere: cronache, storie
Incipit:Incomencia el libro extracto da Salustio historiographo e Lucano summo poeta oue narra de le prodece e officij de li Nobili Antiqui e virtuosi Romani
Explicit:Qui finisse il Libro Singulare Nominado Cesariano sumado in parte de Salusti e de Suetonio e de Lucano con Juliano e altri grande historiographi e Summi Poeti

Per il quadro completo delle varianti degli incipit vd. Tradizione diretta: manoscritti e Tradizione diretta: edizioni antiche.


Tradizione dell'opera  
Tradizione diretta: edizioni antiche (1)
1. Libro nominato Cesariano estratto da Sallustio e da Lucano, Venezia, Alvise di Santa Lucia, 1492 = Cesariano 1492



Non esaminato direttamente


Indice della scheda


Storia della tradizione
Il Cesariano a stampa (1492) contiene una diversa versione dei Fait des Romains: per la verità, come ha dimostrato Flutre 1932, che ha parzialmente corretto le ipotesi già di Parodi 1889, pp. 366-375, il raro incunabolo (sette copie superstiti nelle biblioteche italiane) «résulte de la juxtaposition et, par endroits, de la contamination de chapitres empruntés à la traduction "intermediarie" et de chapitres empruntés à la traduction abrégée» (p. 238). Carlesso 2001 ha peraltro rilevato che la commistione della versione intermedia e della versione abbreviata non fu compiuta autonomamente da chi allestì la stampa, poiché si trova in un codice ben più antico, vale a dire il ms. Fi BNC Landau Finaly 3 (sec. XIV). Tuttavia, il Cesariano non si limita a riprodurre il testo del manoscritto fiorentino, ma spesso lo abbrevia (per maggiori informazioni vd. anche la scheda relativa all'Istoria delle gesta di Giulio Cesare).

© Copyright: Cristiano Lorenzi 2014
La scheda è stata pubblicata il 06-06-2014; la data in alto si riferisce esclusivamente all'ultimo aggiornamento.

Indice della scheda


Bibliografia
Bibliografia filologica
Carlesso 2001 =
G. Carlesso, Le «Istorie romane» del ms. 47, scaff. II della Biblioteca Antoniana di Padova e i «Fatti di Cesare» nel Veneto, in «Il Santo», 41 (2001), pp. 345-394.
Cfr. pp. 389-393.

Flutre 1932 = L.-F. Flutre, Li Fait des Romains dans les littératures française et italienne du XIIIe au XVIe siècle, Paris, Hachette, 1932 [rist. anast. Genève, Slatkine, 1974].
Cfr. pp. 223-238.

Parodi 1889 = E.G. Parodi, Le storie di Cesare nella letteratura italiana dei primi secoli, in «Studi di filologia romanza», 4 (1889), pp. 237-503. 
Cfr. pp. 366-375.

Altra bibliografia
D'Agostino 2001 = Alfonso D'Agostino, La prosa delle Origini e del Duecento, in Ciociola 2001, pp. 91-135.
Cfr. p. 108.

Marroni 2004 = S. Marroni, I fatti dei Romani. Saggio di edizione critica di un volgarizzamento fiorentino del Duecento, Presentazione di I. Baldelli, Roma, Viella, 2004.
Cfr. pp. 18-19.

Indice della scheda