Ricerca nella pagina:
 
DiVo - Dizionario dei Volgarizzamenti

DiVo - Bibliografia filologica


Pubblicazione periodica online
Direttori: Elisa Guadagnini e Giulio Vaccaro
ISSN 2280-6873
Periodicità: aggiornamento continuo
(le schede sono datate)

Lancia, Andrea da Firenze

(?, 1280 circa - Firenze? [Italia], 1360 circa)

Epistole morali volgarizzate (redaz.)

di Cristiano Lorenzi

Notizie generali

Volgarizzamento di:
Lucio Anneo Seneca, Epistulae morales ad Lucilium (latino)

Datazione: sec. XIV primo quarto
Lingua/Dialetto: fiorentino
Tipologia testuale: prosa
Genere: filosofia: ammaestramenti
Incipit: podestate sia dilu(n)gi
Explicit: la malignità p(er) lo giuoco ogni vitio manifesta e scuopre etc.
Per il quadro completo delle varianti degli incipit vd. Tradizione diretta: manoscritti e Tradizione diretta: edizioni antiche.


Tradizione dell'opera  
Tradizione diretta: manoscritti (1)
1. Siena, Biblioteca Comunale degli Intronati, C III 25 = Si BC C III 25

Datazione: sec. XIV primo quarto
Descrizione: Cart., mm 325 х 240, cc. 18; scrittura cancelleresca su due colonne.
Localizzazione: cc. 1-18
Incipit: Vd. incipit opera.
Explicit: Vd. explicit opera.

Il cod. è costituito da quattro manoscritti di mani e formati diversi. Qui interessa il primo, autografo di Andrea Lancia.

Ms. non esaminato direttamente


Indice della scheda


Storia della tradizione

Si deve a Azzetta 2001, pp. 12-13 la segnalazione di «un volgarizzamento parziale e fortemente compendiato delle Epistole di Seneca a Lucilio (ep. 4,8-88,37)» contenuto nel primo dei quattro codicetti che compongono il ms. Si BC C III 25. Il volgarizzamento, inedito, che nulla ha a che vedere con la più nota e fortunata traduzione trecentesca delle Epistulae (per la quale vd. la relativa scheda), è opera di Andrea Lancia, la cui mano è riconoscibile in questa sezione del cod. senese. Si tratta a tutti gli effetti di una copia di lavoro del Lancia, che non pare aver avuto alcuna circolazione: come rileva lo stesso Azzetta 2001, p. 13, «numerose [...] sono le cancellature, continue le correzioni, gli spazi lasciati in bianco, con le parole latine non tradotte poste ora in margine ora nel corpo del testo; anche le integrazioni, marginali e in interlinea, spesso si giustappongono senza sostituire precedenti scelte lessicali, così da dar vita a doppie o triple possibilità di traduzione per uno stesso termine».


© Copyright: Cristiano Lorenzi 2012
La scheda è stata pubblicata il 02-08-2012; la data in calce si riferisce esclusivamente all'ultimo aggiornamento. 

Indice della scheda


Bibliografia
Bibliografia filologica
Azzetta 2001 = Ordinamenti, provvisioni e riformagioni del Comune di Firenze volgarizzati da Andrea Lancia (1355-1357), edizione critica del testo autografo a cura di Luca Azzetta, Venezia, Istituto Veneto di Scienze, Lettere ed Arti, 2001.
Segnala il volgarizzamento.

Indice della scheda